Eccellenza

Il C.S. Loreto ha scritto una pagina indelebile nella sua ultracentenaria storia calcistica ottenendo la salvezza ad una giornata dalla fine della stagione regolare, nella sua prima partecipazione al campionato di Eccellenza, massima espressione del calcio regionale.

Un grazie per questa fantastica cavalcata a tutta la squadra ed al suo timoniere Francesco Moriconi che hanno dimostrato sul campo di meritare ampiamente la categoria.

Vorremmo ripercorrere brevemente questa meravigliosa avventura dividendo il campionato in quattro momenti.

L’inizio con partenza al fulmicotone grazie ai pareggi esterni ed anche un po’ stretti in terra pesarese (Urbania ed Atletico Gallo) e Montegiorgio, intervallati dalle vittorie casalinghe contro il quotato Porto D’Ascoli ed il Grottammare salito al “Salvo D’Acquisto” da capolista e ridimensionato con un secco 3-0, dopo l’entusiasmo iniziale i gialloverdi hanno pagato lo scotto della matricola soprattutto in casa con le sconfitte contro la Biagio Nazzaro, la Forsempronese, la Pergolese ed il Tolentino, ma i ragazzi di Mister Moriconi hanno puntellato la classifica grazie alle ottime prestazioni fuori dalle mura amiche con i colpacci esterni contro la Vigor Senigallia, il Fabriano Cerreto, dove Garbuglia & Co. hanno fatto un vero capolavoro visto il valore della squadra di Spuri Forotti seconda forza del campionato e Corridonia, perdendo solo a Civitanova nei minuti di recupero.

In casa fondamentale è stata la vittoria contro il Trodica diretta concorrente per la salvezza e la divisione della posta con l’altra matricola Helvia Recina.

I gialloverdi chiudono il girone di andata con 22 punti e con una sola sconfitta esterna (Civitanovese) e con il duo d’attacco, Garbuglia-Streccioni, più prolifico del girone.

Con l’inizio del 2016 la squadra entra in una fase critica non riuscendo più ha segnare ed inanella una serie di sconfitte, anche se di misura, in casa con l’Urbania, fuori con Porto D’Ascoli e Grottammare, parzialmente equilibrate dai pareggi interni a reti bianche con l’Atletico Gallo ed il Montegiorgio.

La sconfitta contro la Biagio Nazzaro ed il primo tempo in casa con la Vigor è il punto più basso della stagione, ma nell’intervallo contro il Senigallia succede l’inverosimile la squadra ha una reazione d’orgoglio mettendo in campo cuore ed anima, recupera il doppio svantaggio e conquista tre punti fondamentali per la corsa alla salvezza.Ultima parte della stagione con il Loreto che perde (a parte l’ultima giornata con l’Helvia Recina a salvezza acquisita) solo in casa con la Civitanovese che al “Salvo D’Acquisto” festeggia la promozione in serie D ed a Tolentino, pareggia a Fossombrone e Pergola batte in casa il Fabriano Cerreto, conquistando alla damigella d’onore 6 punti su 6 e fa suo lo scontro salvezza a Trodica, per poi conquistare in casa alla 29° giornata contro il Corridonia la meritatissima salvezza.

In questa salvezza c’è molto del settore giovanile del Loreto essendo in rosa più della metà di ragazzi usciti dal vivaio e questo grazie al lavoro certosino degli allenatori del settore giovanile che formano questi ragazzi.

Un grazie al Presidente Andrea Capodaglio ed a tutti i dirigenti che lavorano dietro le quinte e che stanno già lavorando per la prossima stagione, ed a cui va il merito, tra le altre cose, di aver riportato il pubblico al “Salvo D’Acquisto”.

Per ultimo ma non ultimi un “Grazie” ai sostenitori della curva “Nord” presenti sia in casa che in trasferta, sempre vicini alla squadra, soprattutto nei momenti più difficili e delicati della stagione.     

Giovanni Pespani