Eccellenza

 

Momento nero per il C.S. Loreto che naviga all’ultimo posto nel campionato di Eccellenza e che sabato ha perso malamente in casa con il Porto D’Ascoli, della situazione ne abbiamo parlato con il presidente Andrea Capodaglio. 

Ad oggi sei punti  meno della passata stagione cosa succede «abbiamo iniziato il campionato decisamente sotto tono, qualcuno è rimasto con la testa alla finale play off contro il Fabriano Cerreto, non pensando che nel frattempo è iniziato un altro campionato decisamente molto diverso e più equilibrato» 

Cosa ha influito maggiormente «senza piangersi addosso, che non è il nostro stile, e visto che l’organico ha subito pochissimo ritocchi, l’infortunio ad Arcolai in primis ha decisamente creato molte problematiche in mezzo al campo essendo difficile da sostituire, noi puntiamo molto sul nostro vivaio lo dimostra la panchina costituita da molti esordienti che devono entrare nella mentalità della categoria, poi abbiamo iniziato la preparazione in ritardo, e le aspettative, visto il campionato dello scorso anno, superiori al nostro obbiettivo che rimane oggi più che mai la salvezza»

Interverrete sul mercato «con mister Moriconi stiamo considerando di intervenire da subito sia in entrata, con due o tre innesti ma anche in uscita visto che qualcuno ancora non ha capito che in campo bisogna dare e nessuno ti regala nulla solo perché hai sfiorato la serie D» 

Un giudizio sugli arbitraggi «da parte nostra c è grande rispetto delle terne arbitrali e non credo nella malafede, comprendiamo che possono sbagliare come un attaccante o un difensore, ma senza creare nessuna polemica abbiamo notato che dalla finale play off dell’anno scorso qualcosa è cambiato, spero che sia solo una nostra impressione, sabato ad esempio si potavano evitare tante contestazioni con una scelta “geografica” diversa». 

Come se ne esce da questa situazione «facendo quadrato intorno la squadra e poi quando il gioco di sa fa duro i duri iniziano a giocare, sin dal prossimo turno contro la matricola Atletico Alma in grande forma che domenica ha maramaldeggiato a Tolentino, e poi è sempre e solo il campo ha dare le giuste risposte, uscire da questa impasse dipende soprattutto da noi» 

Giovanni Pespani.